La giusta scelta dei Pressostati e Termostati: Come Fare? Che Parametri servono?

La giusta scelta dei Pressostati e Termostati: Come Fare? Che Parametri servono?

Perché vorremmo chiarire “la giusta scelta dei pressostati e termostati”?

Molto spesso il Cliente richiede una quotazione di Pressostati o Termostati senza condividere con TECNOVA HT i dati minimi per la scelta tecnica confacente alla propria applicazione pensando che la conseguente richiesta di dati o scelta di opzioni sia strana o inconsueta visto che altri Fornitori quotano al volo senza problemi.

Purtroppo la maggior parte delle volte le quotazioni ricevute sono, guarda caso, sempre riferite alla combinazione di opzioni e scelte che portano al modello con il prezzo più basso lasciando al Cliente l’onere di capire l’offerta per scoprire quali caratteristiche sono idonee e quali invece sono tecnicamente inadeguate.

Per TECNOVA HT è invece imprescindibile garantire al Cliente una scelta dei pressostati senza incertezze per permettere una serena valutazione tecnica ed economica potendo confrontare prodotti omogenei fra loro.

Quali sono le domande e risposte necessarie, dunque?

  1. Il Pressostato deve essere settabile o meno? Cioè è necessario che possa essere regolato in campo oppure lo vogliamo pre-settato in fabbrica senza possibilità di ulteriori aggiustamenti? Quali opzioni abbiamo?
    • Tamper-Proof, cioè che non può essere manomesso
    • Tamper-Resistance cioè che la manomissione è possibile ma non semplicemente
    • Fixed cioè presettati in fabbrica senza possibilità di cambiarne i parametri
    • Adjustable cioè liberamente settabili all’interno del range scelto
  2. Che pressione operativa vedrà il Pressostato?
  3. Che Set point è necessario? Cioè quale Valore di Pressione vogliamo settare il Pressostato per essere attivato o disattivato allorquando la pressione sale o scende? Questo valore è all’interno di un range settabile e questo Set Point è definito a salire o a scendere, intendendo se viene raggiunto per aumento o diminuzione di pressione. Quindi,
    • Quale range è necessario, cioè in quale intervallo di pressione fra gli estremi superiori ed inferiori vogliamo che il pressostato sia regolabile per essere attivato o deattivato?
    • Il raggiungimento di questo Set Point sarà “a salire” (di pressione) o “a scendere” ?
    • La Banda Morta – deadband – è importante per l’Applicazione? La banda morta è la differenza fra i punti di attivazione e disattivazione dello switch. Per ITT Neo-dyn rappresentano semplicemente i punti on-off della attivazione/disattivazione della mitica molla a disco Belleville.
  4. Che tipo di fluido abbiamo nel Processo? Occorre saperlo per scegliere i materiali a contatto. In fondo all’articolo è disponibile un pdf per la compatibilità dei materiali.
  5. Qual è effettivamente la funzione del Pressostato? Questo ci conferma se SPDT o DPTD…
    • SPDT significa Single Pole, Double Throw cioè Singolo Polo, Doppio Contatto: lo switch funge da deviatore con un contatto comune (COM, Common) che può essere connesso o con L1 o con L2 a seconda se attivato o disattivato.
    • DPTD significa Double Pole, Double Throw cioè Doppio polo, Doppio Contatto: lo switch controlla contemporaneamente 2 x SPDT.Pressostati
  6. Il Pressostato deve essere ATEX, cioè deve essere installato in zona pericolosa?

Con queste poche domande e relative risposte è possibile ottenere quotazioni rapide, complete e soprattutto con un valore economico congruente e realmente confrontabile con altre soluzioni.

Per qualsiasi altro dubbio vi invitiamo a contattare gli specialisti di TECNOVA HT. Vi aspettiamo!

Articolo precedente
Deicing in aeroporto, come gestirlo nel tuo WWT?
Articolo successivo
Pressostati e Termostati di ITT Neo-Dyn: un “click” di Qualità.

Post correlati

Menu