Tutte le Applicazioni nell’Alimentare di Optek: una abbuffata di Qualità.

Tutte le Applicazioni nell’Alimentare di Optek: una abbuffata di Qualità.

Tutte le Applicazioni nell’Alimentare di Optek sono racchiuse nel favoloso TOP 5 in lingua italiana scaricabile qui sotto.

Essenzialmente le soluzioni Optek per il mercato alimentare si basano sui seguenti analizzatori in linea per fase liquida:

  • Modelli AF16-N, TF16-N e DTF16 torbidimetri
  • Modelli AF16-F e AF26 colorimetri
  • Modelli AF45 e AF46 per assorbanza UV

accoppiati con il convertitore fotometrico Control 4000 il cui display grafico può mostrare i valori di assorbanza, trasmittanza e concentrazione in tempo reale e in qualsiasi unità di misura come CU, OD, %-tr., ppm (DE), EBC, FT, g/l, APHA e molte altre. Anche pluricanale.

Filtrazione

Tra le Applicazioni nell’Alimentare abbiamo il classico controllo della Filtrazione:

  1. Controllo della Filtrazione a 11°/90°: Il sensore Haze Control / DTF16 si basa sulla misura di luce diffusa con un doppio angolo di analisi per un controllo qualità preciso durante la filtrazione finale indipendente dal colore e dal suo viraggio. Usando questo sensore a valle del filtro esso ne controlla eventuali rotture prevenendo prodotti “fuori specifica”.

  2. Controllo Ingresso Processo: Usando un optek AS16-N o AF16-N può essere controllata la torbidità nella linea di alimentazione, permettendo un controllo preciso della carica e prevenendo lo sporcamento ed l’intasamento del filtro. Questo sensore supplementare può essere connesso al vostro Haze Control /DTF16 senza necessità di un convertitore aggiuntivo.

  3. Ottimizzazione Spurgo dei Filtri: i modelli AS16-N o AF16-N di Optek usati per il monitoraggio della carica possono essere installati per ottimizzare il suo processo di pulizia di filtri, misurando la torbidità nell’acqua, risparmiando tempo, energia e minimizzando l’acqua necessaria.

  4. Dosaggio di Coadiuvanti alla Filtrazione: Il dosaggio di coadiuvanti come la farina fossile (diatomaceous earth o DE) può essere controllata dai sensori Optek per assorbimento o via luce diffusa. Ottimizzare l’utilizzo di questi addittivi riduce i costi e garantisce una reale qualità del prodotto.

  5. Controllo Pre-Condizionamento Filtri: L’uso del canale di riferimento permette di misurare ad una torbidità più elevate per monitorare e controllare il ciclo di pre-condizionamento.

Produzioni interessate:

  • Olio uso alimentare: – Filtrazione del catalizzatore al Nickel per suo riutilizzo (misura di torbidità)
  • Raffinazione dello zucchero: – Monitoraggio del filtrato via torbidità
  • Vino:- Monitoraggio della filtrazione e stabilizzazione
  • Salsa di Soia: – Monitoraggio della Filtrazione
  • Concentrato di Succo di Frutta: – Controllo rottura filtri e limpidezza

Separazione

Tra le Applicazioni nell’Alimentare abbiamo la possibilità di migliorare la Separazione:

  1. Controllo Fase Separata: Quando i separatori centrifughi sono equipaggiati all’uscita della fase liquida con i fotometri modello AF16-N o AS16-N basati sull’assorbanza NIR, è possibile azzerare scarichi inutili ed attuarli solo quando il trascinamento dei solidi è realmente avvertito all’uscita.

  2. Controllo Ingresso Processo: Aggiungendo un secondo fotometro tipo AF16-N o AS16-N sempre basato sull’assorbanza NIR nella linea di ingresso è possibile gestire immediatamente ogni mutamento delle condizioni di processo, come dirottare frazioni solide inaspettate per prevenire intasamenti nel tamburo del separatore.

  3. Controllo Concentrato: La linea del Concentrato in uscita dal separatore può essere equipaggiata con un fotometro modello AS16-N o AF16-N basati entrambi sull’assorbanza NIR ed utilizzando un percorso ottico molto breve per correlare accuratamente la misura dell’assorbanza con la percentuale in peso. Questo permette un controllo della resa e la garanzia della qualità del prodotto.

Produzioni interessate:

  • Olio uso alimentare:- Processo di deceraggio per rimozione gliceridi saturi o cere
  • Prodotti caseari:- Chiarificazione del burro, separazione siero del latte
  • Te:- separazione per rimozione foglie dopo bollitura
  • Succo di frutta:- Separazione della polpa di frutta dal succo
  • Vino: – Separazione del mosto

Colore & Concentrazione

Tra le Applicazioni nell’Alimentare Colore & Concentrazione sono parametri standard da controllare:

  1. Misura del Colore: Le misure del colore nei processi liquidi sono critiche per mantenere il controllo della produzione e ottenere risultati a specifica. Il viraggio è spia di variazioni nel processo come surriscaldamenti, rapporti di diluizione, impurità dissolte nonché aspetto del prodotto finito. Usare i colorimetri Optek per il monitoraggio in linea significa un controllo continuo del dosaggio del colore, della decolorazione o dell’assenza del colore stesso.

  2. Misura di Concentrazione: La misura è espressa in unità di concentrazione (CU) ad una data lunghezza d’onda ed è in relazione alla concentrazione dei componenti che interagiscono con la luce.

Produzioni interessate:

  • Olio Alimentare:- Intensità di giallo nell’olio per qualità del prodotto – Controllo concentrazione clorofilla – Monitoraggio fosforo rosso
  • Raffinazione dello zucchero: – Disponibili scale standard di colore ICUMSA/RBU per qualità dello zucchero raffinato
  • Olio di frittura nei Processi Alimentari:- ne viene ottimizzato il consumo con le misure di colore e torbidità
  • Bibite: – nel processo di riempimento come controllo di qualità – misura del colore per dosaggi o miscelazioni
  • Sbiancamento: – Monitoraggio/ottimizzazione dell’acqua di make-up a seconda del contenuto di amido in acqua
  • Succhi di Frutta: – Monitoraggio nei succhi di frutta della concentrazione solidi/polpa

Interfaccia & Identificazione Prodotto

Tra le Applicazioni nell’Alimentare i più grandi risparmi e il minor carico al WWT si ottiene gestendo la Separazione di Fase o Interfaccia: infatti una accurata rilevazione dell’interfaccia di processo con un fotometro ad assorbanza singolo canale è il metodo più semplice e più efficace ad oggi per i players nel mercato alimentare per ridurre gli sprechi.

Nei macro-impianti alimentari, l’insieme di tutte le operazioni di passaggio da una produzione all’altra può costare migliaia di ettolitri di prodotto finito e sottoprodotti a vario titolo, ogni settimana. Al giorno d’oggi, recuperare il prodotto è essenziale per mantenere la marginalità economica necessaria.

Ma il costo va oltre quello del prodotto tal quale. Il mezzo principe per scambiare le produzioni è l’acqua che, come utility, ha un suo costo sia acquisto che di trattamento. Lo spurgo non necessario di Prodotto buono e di Acqua nella fogna sono i principali costituenti degli effluenti dall’impianto e quindi del costo di trattamento. Le municipalizzate locali possono essere parimenti coinvolte: tassano il volume di effl uente scaricato verso il consortile e sono anche in grado di multare se la frazione solida o il valore del BOD supera i limiti concordati. Gestire nel proprio impianto le interfacce dei processi non solo ha senso economico ma è anche benefico per l’Ambiente.

Produzioni interessate:

  • Prodotti Caseari: – Monitoraggio interfaccia latte/acqua, crema/acqua, yogurt/acqua
  • Produzioni Vinicole:- Monitoraggio interfaccia vino/acqua, acqua/vino
  • Bibite: – Monitoraggio interfaccia prodotto/acqua, acqua/prodotto
  • Succhi di Frutta: – Monitoraggio interfaccia succo/acqua
  • Preparazioni Dolciarie: – Separazione di fase acqua/latte/caramello

Gestione CIP e Sanificazione

Tra le Applicazioni nell’Alimentare una procedura routinaria è il Clean-In-Place e la Sanificazione del Processo. Come la tecnologia Optek può aiutare la Produzione?

Moltissimi impianti di produzione richiedono procedure CIP per pulire serbatoi, pompe, valvole, filtri, scambiatori così come tubazioni di processo. L’applicazione del Clean-In-Place aumenta l’efficienza d’impianto, migliora la sicurezza e assicura la qualità del prodotto. Ma per ottenere questi benefici occorre monitorare e controllare il processo CIP per ottimizzarne il consumo energetico, dei chemicals e di acqua.

  1. Il monitoraggio del passaggio di fase viene eseguito con precisione da un fotometro in assorbanza NIR a singolo canale (tipo optek AF16-N o AS16-N) tipicamente installato al ritorno della soluzione uso CIP dove è importante controllare esattamente l’interfaccia con l’acqua di risciacquo.
  2. Ottimizzazione Sanificante: grazie all’installazione di un sensore Optek in assorbanza UV / VIS o NIR sulla linea di alimento, l’esatta concentrazione della soluzione viene monitorata, ottimizzando la performance e minimizzando i consumi delle sostanze chimiche usate. Si noti che questi sensori presentano la compensazione dinamica della torbidità o della presenza di altri composti. Inoltre grazie al tempo di risposta immediato sia il consumo del sanificante che quello dell’acqua viene drammaticamente ridotto.

Sbiancamento e Miscelazione

Tra le Applicazioni nell’Alimentare il Controllo nel Colore nella delicata fase dello sbiancamento o della miscelazione viene migliorato grazie ai fotometri Optek con un controllo preciso ed in tempo reale del dosaggio del colorante, della decolorazione, della intensità o della mancanza di colore.

Tipicamente, le misure di colore nel processo, sono eseguite a partire da campioni presi dal processo e analizzati nel laboratorio sia ad occhio nudo che attraverso un analizzatore da banco. I colorimetri Optek possono rilevare immediatamente variazioni dell’intensità del colore nel processo in fase liquida direttamente nella tubazione.

Produzioni interessate:

  • Olio Alimentare: – Controllo del processo di sbiancamento/ dosaggio sbiancante/ monitoraggio rottura filtri
  • Lavorazione tuberi: – Dosaggio dei coloranti caramello, annatto o curcuma
  • Raffinazione dello Zucchero: – Decolorazione dello zucchero, controllo dello sciroppo, misura del colore secondo ICUMSA/RBU
  • Succo di Frutta: – Monitoraggio accurato del colore del succo

Controllo Contaminazioni

Tra le Applicazioni nell’Alimentare il Controllo Contaminazioni è fondamentale per non compromettere la qualità del Prodotto finale o peggio per non inquinare il Prodotto magari per uso umano. Quali aree di intervento?

  1. Verifica perdite scambiatore: La verifica di perdite nello scambiatore è un’applicazione classica in molte produzioni. Le società di tutti i segmenti industriali richiedono l’analisi della presenza di olio nel range dei ppm. Per questa ragione, gli analizzatori di torbidità in linea sono stati standardizzati in tutto il mondo essendo una soluzione affidabile.

  2. Condensato: I fotometri optek garantiscono che il condensato sia privo di particolato inquinante permettendo il suo riutilizzo per l’alimento caldaia o per altri processi. E’ cosa nota che questa miglioria nel processo sia realmente vantaggiosa: meno spreco di acqua, meno trattamenti chimici e meno costi del trattamento acque.

  3. Trascinamento: C’è sempre la possibilità di un trascinamento in tutte le aree dove l’acqua è necessaria per riscaldare o raffreddare il processo. Un fotometro Optek in linea è uno strumento eccellente per rivelare immediatamente tracce del fluido di processo. Nelle applicazioni dove lo stream di processo consiste in olio non disciolto o solidi, il modello TF16-N torbidimetro a luce diffusa può analizzare il contenuto totale di particelle. Misurando nel vicino infrarosso (NIR), questa analisi è influenzata né dal colore né dalla sua variazione.

Produzioni interessate:

  • Prodotti caseari: – Verifica perdite scambiatori nella pastorizzazione – Monitoraggio COW ( Condensate of Whey) o siero di latte nei processi evaporativi
  • Caffè: – Monitoraggio processo di evaporazione caffè solubile, rilevazione di tracce nelle linee di riscaldamento / raffreddamento
  • Succhi di frutta: – verifica di perdite nello scambiatore / trascinamento processo nelle linee di riscaldamento / raffreddamento
  • Olio Alimentare:- Protezione rete condensato

Calibrazione e Validazione sistemi Optek

Gli accessori Optek sono stati concepiti per effettuare la calibrazione e verifica del sistema senza interagire con il processo

Sensori UV: Tre serie di filtri compatti sono disponibili per essere confidenti nelle analisi. La serie UV-L è usata per controllare l’accuratezza e linearità del fotometro. La serie UV-B verifica l’assenza totale della luce mentre la serie UV-S è in grado di testare la stabilità a lungo termine del sensore.

Sensori VIS/NIR: Una serie speciale di filtri compatti è disponibile per ogni lunghezza d’onda (range) per garantire la miglior performance di analisi. Questi filtri di calibrazione sono usati per calibrare l’accuratezza e linearità del fotometro.

Tracciabilità NIST: Tutti i filtri optek sono spediti con la certificazione NIST (National Institute of Standards and Technology) a corredo. I laboratori optek sono equipaggiati con spettrofotometri di altissima qualità, certificati NIST, per garantire la qualità e un tempo rapido della ricertificazione dei filtri.

Menu