Il Viscosimetro di Processo Hydramotion: Come funziona?

Il Viscosimetro di Processo Hydramotion: Come funziona?

Il Viscosimetro di Processo Hydramotion funziona sul principio della Risonanza Vibrazionale: non è difficile far vibrare qualcosa in un fluido e non è impossibile legare lo smorzamento delle vibrazioni alla viscosità del fluido. Ma misurare la viscosità con la precisione e la ripetibilità richiesta, in qualunque tipo di reattore o tubazione, in qualsiasi condizione di processo, è un’altra cosa: occorre R&D a livello scientifico, occorre un design accurato, è obbligatoria una progettazione ed una scelta delle elettroniche e dei materiali all’avanguardia. Questa è Hydramotion.

Hydramotion Viscosimetri Principio di Misura

I viscosimetri a risonanza o a vibrazioni lavorano creando delle onde nel liquido in misura. Ci sono molti tipi di onde che possono tranquillamente propagarsi nel liquido e nella viscosimetria la scelta del tipo giusto è fondamentale: ma occorre ricordare che la viscosità si riduce alla misura di uno sforzo di taglio. Può essere veramente calcolata solo in condizioni di presenza di questo sforzo, pertanto nel Viscosimetro di Processo Hydramotion vengono usate onde di taglio. Altri tipi di onde vibrazionali sono da evitarsi perché portano a risultati scarsamente ripetibili nella stragrande maggioranza dei Processi produttivi.

Ad occhio nudo, non si muove nulla. Il sensore in acciaio inox da pieno è immerso nel fluido ed è eccitato ad una specifica frequenza per compiere dei micromovimenti, non visibili, avanti ed indietro: questa è la “risonanza”. Non appena la superfice del sensore taglia il liquido, viene dissipata un po’ di energia a causa della viscosità del fluido. Questa energia viene accuratamente misurata ed interpolata dal microprocessore fino ad ottenere il valore della viscosità del fluido: viscosità maggiore causano una dissipazione di energia più accentuata e quindi un valore letto maggiore.

Sensore onde di taglio

Ecco perché sottolineiamo i continui investimenti in R&D da parte di Hydramotion per mantenere la posizione di leader mondiale e ottenere sia le migliori performances che le migliori esperienze lato Cliente. La felice combinazione fra il principio di dissipazione delle onde con un enorme background tecnico permette ad Hydramotion di presentare un Viscosimetro di Processo che è una miscela di sensibilità e robustezza senza eguali. Quali vantaggi immediati con questa ingegnerizzazione spinta?

  • fine della manutenzione giornaliera o a campagna
  • non ci sono volumi morti
  • non ci sono tenute o guarnizioni da cambiare
  • range di misura esteso senza compromessi

Dal punto di vista del costo di ownership il Viscosimetro di Processo Hydramotion non ha rivali, infatti:

  • non presenta parti in movimento
  • non ha protezioni meccaniche perché realmente robusto
  • non ha valvole o tubetti o giranti
  • non ha necessità di utilities per arrivare a ben 400°C operativi

Inoltre l’Operatore in campo è consapevole che questa tipologia di analizzatori fanno parte della famiglia fit & forget cioè tolti dalla scatola si possono usare subito senza operazioni supplementari infatti:

  • non serve una calibrazione in campo
  • non serve una installazione specifica
  • indifferente alla presenza di bolle o schiuma a vario titolo
  • l’analisi non dipende dalla portata

La calibrazione in fabbrica è uno dei momenti più importanti nella produzione di ogni singolo Viscosimetro di Processo e non viene mai disturbata o cambiata dalla presenza di bolle, gas o solidi eventualmente circolanti.

Inoltre grazie alla scelta infinita di connessioni al processo tipo Tri-Clamp, flangiato ANSI/DIN/JIS o filettati e alla possibilità di dare un qualsiasi orientamento senza limiti di posizionamento, l’installazione è assolutamente semplice e priva di errori possibili.

Menu